28 novembre 2008

Questione di gusti...Crostata di ricotta e marmellata


Ciao a tutti,
è un bel po' che non mi faccio viva ed oggi ho avuto la giusta ispirazione, naturalmente dettata dalla gola che qui in ufficio non posso soddisfare.
Mi girava nella testa e nel pancino la voglia di...crostata di ricotta e marmellata di visciole, che solo una volta ho avuto "la goduria" di mangiare. Così mi sono messa alla ricerca come un vagabondo tra le dune del deserto ed ho trovato due varianti moooolto interessanti, tant'è che non sapendo scegliere la versione migliore ho deciso di pubblicare entrambre. Evvai!!!

Versione 1)
Ingredienti:
Per la frolla: 125 gr zucchero, 125 gr di burro, 2 tuorli ed un uovo intero, 1 tuorlo in più per spennellare la crosta, scorza grattugiata di 1 limone non trattato, farina quanto basta per ottenere un impasto facile da lavorare, né "mollo" né troppo asciutto.
Per la farcia: 200 gr di ricotta di mucca, 200 gr di panna liquida da montare, 2 cucchiaiate di latte condensato (o zucchero o miele), 1 barattolo di marmellata da 250 gr (meglio se di more o frutti di bosco...secondo me anche di fragole va bene ma dev'essere buona!)

Dopo aver preparato la frolla, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare in frigo, anche per una notte intera. Il giorno seguente foderare uno stampo adatto con carta da forno e stendere la frolla. Praticare dei fori con una forchetta, coprire con carta stagnola e porre sopra dei fagioli secchi per evitare la lievitazione della pasta. Cuocere in forno caldo per 25 minuti a 180° poi estrarla, spennellarla con il tuorlo d'uovo e rimetterla a cuocere per circa 10 minuti senza carta stagnola, finché non risulti dorata.
Mentre lasciamo raffreddare, prepariamo la farcia.
Lavorare la ricotta con una forchetta, aggiungere il latte condensato o lo zucchero o il miele.
Aggiungere la panna che avremo montato precedentemente a parte evitando che si trasformi in burro. La panna va sempre aggiunta con movimenti delicati, dall'alto in basso, per non smontare il composto. Possiamo ora versare il tutto sulla frolla e lasciar rassodare in frigorifero per un'ora circa. Infine potremo completare la decorazione versando la marmellata sulla superficie della torta. GNAM GNAM GNAM!

Versione 2)
Ingredienti:
Per la frolla: gli stessi della Versione 1)
Per la farcia: 250 gr di ricotta di mucca, 50 gr di zucchero semolato, mezzo uovo, confettura di visciole (amarene)

Dopo aver preparato la frolla ed averla fatta risposare in frigo avvolta nella pellicola, la stendiamo su di uno stampo foderato di carta da forno (circa 1/2 cm di spessore), tenendone da parte un po' per le striscioline. Poi setacciamo la ricotta e aggiungiamo lo zucchero ed il mezzo uovo (gli ingredienti della ricetta originale sono stati dimezzati, quindi anche le uova...:S).
Stendiamo un velo di marmellata di visciole sulla frolla e poi il composto di ricotta, livellando con una spatola o un cucchiaio. Decorate poi con striscioline di frolla o cuoricini o foglie..."fate vobis"!
In forno preriscaldato a 170° per 45 minuti...
Questa versione è forse più semplice, più rozza per così dire, ma credo sia altrettanto buona se servita fredda e accompagnata da un buon vinsanto.

Provatele e ditemi la vostra!
Baci a presto Mari/Zizziri ;D


4 novembre 2008

Tempo di zucca!!!

Mentre fuori infuria la bufera, voglio pubblicare questa immagine che a me piace molto :D
Signore e signori, amiche ed amici miei, a voi...rullo di tamburi...la zucca!!!
Quanto è buona in tutte le sue varianti: nel risotto, al forno, nella vellutata, nei muffins, nelle torte dolci e salate...
La nostra cara Sigrid Verbert de "Il Cavoletto di Bruxelles" ce ne da tantissimi esempi che non oso copiare...non sarebbe "politicaly correct" ;D
Quindi a voi la sfida di cercare una ricetta originale da pubblicare sul blog; anche io mi darò da fare per stupirvi come al solito.
Intanto vi mando un caldo abbraccio per combattere questo tempo autunnale che ci mette tutti a dura prova. A presto dunque!
Vostra cuciniera provetta :DDDDDDDDDDDD
Zizziri

Condividilo con chi vuoi!